Fresques avec miroirs – Villa abbandonata

Ci sono specchi
che non andrebbero incontrati
Ci sono affreschi
che non dovrebbero essere mai dipinti
L abbandono è un dolore lento
si consuma tra le crepe delle pareti
si abbronza di un sole indecente
si inzuppa di acqua piovana, insistente
Chissà cos’ eri ed a chi appartenevi
Tu, sei un lascito dolce
Un abbandono lieve
dove gli affreschi
in parte parlano
In alcuni angoli urlano
e dentro singole stanze invadono

Sei ampio, come lo è un tramonto
dispersivo, come un terremoto
Una vita vissuta, distrutta
Un ‘ altra rimasta, accarezzata
Pochi i ricordi ancora presenti
tende spezzate, bicchieri non bevuti
piatti calpestati, liquori impolverati
Di te, due Torri che Trionfano
Come a dire…
ci sono ancora
Come a sussurrare…
resisto non mi muovo
Come ad urlare…
passa il tempo, ma non muoio.

Testo di: Magda Teresa Catalano

Foto di: Gabriele Strazzeri

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.