Ascesi lasciti – Monastero abbandonato

Proprio una bella passeggiata si, tra le macerie però. Un balcone naturale che si affaccia su un’intera e rigogliosa valle, un’altura che offre uno spettacolare panorama dell’Etna ma che, nella sua parte sommitale, ospita il rudere di un eremo abbandonato che sembra sia stato dimenticato anche dal vento.

Per chi non lo sapesse l’eremo (dal greco ἔρημος érēmos) è per definizione un luogo di difficile accesso, un rifugio, una grotta o un riparo di fortuna, dove uno o più individui, detti appunto eremiti o anacoreti, si auto-escludono, ritirandosi dalla società per condurre una vita di preghiera a stretto contatto solo con la natura.

Con molta probabilità questa “ex casa” del Signore (come anche tante altre dimore religiose sparse sul territorio circostante) è appartenuta a un’importante famiglia siciliana di evidente impronta religiosa, la fondazione del cui casato in Sicilia è stata fatta risalire, secondo le opinioni storiche più accreditate, intorno al 1479.

Ciò che oggi si sa con certezza di questo luogo deserto è esattamente ciò che, sotto il caldo sole di maggio, è stato ben visibile ai nostro occhi: e cioè che un pezzo di storia della nostra Sicilia cade letteralmente a pezzi.

La cappella è quasi del tutto crollata e il cortile interno è ridotto un ammasso di macerie, quasi come se l’eremo fosse stato vittima di un bombardamento. Un odioso tanfo stallatico nell’aria ci fa capire che camminando, oltre ai cocci di muro crepato per terra, dovevamo stare attenti anche a non calpestare dell’altro, decisamente meno gradevole.

Un luogo nato per essere destinato a regalare silenzio e solitudine all’uomo che ha scelto di abitarlo per tutto l’arco della sua vita, ma che alla fine quell’assordante silenzio e quella solitudine perpetua si è ritrovata solo a riceverla indietro.

Testo di: Giuliana Imburgia

Una risposta a "Ascesi lasciti – Monastero abbandonato"

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.